Forge: PVP allo stato puro in un gioco a cavallo di MMO ed FPS

 
 
Forge - Capital Siege concept art

Un essere maligno noto come il “Divoratore” ha imprigionato il Pantheon degli dei. Decisi ad accrescere il proprio potere per potergli sfuggire, gli dei hanno con l’inganno portato i guerrieri più forti a loro fedeli su un misterioso pianeta chiamato FORGE con un destino già scritto, diventare vittime sacrificali

Forge è un gioco quantomai “insolito”, sviluppato dall’indipendente Dark Vale Games, si pone perfettamente a cavallo tra un MMORPG ed un FPS cercando di ereditare da entrambi i generi solo le caratteristiche migliori e fondendo il tutto in un’esperienza puramente PVP quanto mai innovativa ed è disponibile al pubblico dal 4 Dicembre. In un’ambientanzione fantasy-nordica il player impersona una delle vittime sacrificali portate su FORGE, potendo scegliere tra una delle 5 classi di “guerrieri” a disposizione per combattere in una delle 5 modalità di gioco a disposizione. Vediamo le classi nel dettaglio:

  • Assassin: maestri delle ombre, gli assassini sono tra i combattenti più letali, armati di veloci daghe avvelenate, possono sfruttare il reame delle ombre per attaccare di sorpresa la loro preda, di contro la loro armatura leggera li rende inadatti a lunghi combattimenti allo scoperto.
  • Pathfinder: maestri con archi e trappole, hanno un set di abilità concepito per tenere a distanza il nemico e sconfiggerlo prima che si avvicini.
  • Pyromancer: di nobili origini, han sperperato i loro averi per studiare le arti magiche e piegare al loro volere il fuoco, l’elemento più distruttivo. Le abilità più potenti richiedono l’assoluta immobilità del pyromancer affinchè le possa evocare, ciò, insieme ad un’armatura debole, li costringe a tenersi a debita distanza dal cuore della battaglia.
  • Shaman: dotati di un set di abilità offensive molto ristrette, gli sciamani sono principalmente chiamati a dare supporto ai propri alleati con i propri incantesimi e cure. Nonostante il loro carattere non offensivo sono in grado di sopravvivere egregiamente anche al centro dello scontro
  • Warden: Con i loro immensi scudi forniscono protezione ai loro alleati difendendoli dagli attacchi avversari, preferendo ciò alla distruzione. Le loro pesanti armature li rendono quasi invincibili ma al contempo li rendono più lenti dei loro compagni

Il gameplay insolito di Forge è portato da una vista del personaggio in terza persona, con un sistema di targeting gestito da un mirino comandato dal mouse stile FPS, unito ad un set di abilità, legato alla classe in uso, in puro stile MMORPG, senza tralasciare “utility” legate alla mobilità quale lo sprint ed il wall jumping. Ho avuto appena la possibilità di provarlo qualche minuto mentre registravo i video in allegato al post, e devo dire che su alcuni aspetti mi ricordava in tutto e per tutto i miei giorni su Unreal Tournament, ma al contempo le abilità dell’assassino, stealth incluso, mi facevano sentire a mio agio richiamandomi il mio caro rogue su WoW.

Dal mondo degli MMO il gioco importa anche la presenza di un sistema di “livelli” e punti esperienza, ma con una differenza sostanziale rispetto al genere da cui li deriva: un giocatore “nuovo” ha la sostanzialmente la stessa forza di chi ha un livello più alto, inquanto gli unici vantaggi che derivano dal livellare è la possibilità di sbloccare qualche nuova abilità e personalizzare le statistiche del proprio personaggio potento spostare una quantità di punti da una statistica ad un’altra a seconda del livello raggiunto.

Sicuramente alcune cose del gioco possono essere migliorabili, ad esempio, per quanto si possa cambiare comunque a proprio piacimento, ho trovato alquanto scomodo il layout di default delle abilità che si concentra sui tasti a fianco del classico WASD invece che sui tasti numerici, portandomi ad attivare le abilità sbagliate perdendo dunque tempo.

Ottimo ed intuitivo è invece il tutorial che introduce ai principali controlli del gioco, sia per quanto riguarda l’uso delle abilità sia per quanto riguarda le utility di movimento. La grafica è abbastanza curata, belle ambientazioni e buoni dettagli dei personaggi.

Devo dire che gli sviluppatori hanno raggiunto appieno il proprio obbiettivo realizzando realmente un gioco che discende da due categorie di gameplay differenti, un sistema di pvp quantomeno nuovo sia per chi proviene dagli mmo sia per chi proviene dagli fps il tutto senza dare eccessivi vantaggi a chi ha più tempo da passare in game, considerando lo status di “indipendente” della Dark Vale è un ottimo traguardo, il tutto raggiunto nonostante le difficoltà ad ottenere un supporto finanziario a gioco quasi completo.

Personalmente vi consiglio di provarlo, lo trovate esclusivamente su Steam e fino al 18Dicembre con 18,99€  potrete acquistare il gioco per voi e per un amico. Se siete interessati continuate a seguirci, il GIVEAWAY di cui parlavamo su Facebook è proprio legato a Forge ed a breve arriveranno maggiori dettagli!

Informazioni

  • Nome: Forge
  • Sviluppatore: Dark Vale Games
  • Distributore: Steam
  • Sito Ufficiale: http://www.playforgewar.com
  • Piattaforma: Windows, necessario Steam

About the_minimizer

Sviluppatore web 28enne, con una passione per il PC Gaming iniziata nei primi anni 90 su un Commodore PC1 ed evolutasi man mano con la tecnologia a sua disposizione, oggi player di World of Warcraft e Diablo III con qualche scappatella su simulatori automobilistici
Questo articolo è stato postato in MMORPG, Review e taggato come , , , . Salva nei preferiti il permalink.